USARE FRASI AD EFFETTO PER VINCERE LE ELEZIONI

 

E’ ancora vivo nel ricordo di molti, il primo comizio elettorale dal Sindaco Caccavale, allorquando il nostro primo cittadino nel presentarsi agli elettori, fece un lungo exursus delle sue azioni quotidiane, soffermandosi su quanto gli procurasse piacere e serenità nel dedicare un po’ di attenzione a persone non troppo fortunate.

Cito a tal proposito il noto personaggio di "Ciuppella", menzionato proprio dal Sindaco nel suo discorso di apertura, (tra l’altro tutti lo conosciamo per i suoi striscioni del Club Napoli di Cicciano, che hanno fatto sempre bella mostra negli stadi), che è stata una delle persone a cui il nostro Sindaco ha rivolto per anni il saluto di buon mattino, offrendogli sempre un buon caffè ed un cornetto caldo.

Ebbene proprio questo cittadino sfortunato, tanto caro al nostro Sindaco, ora non sta bene, le sue condizioni di salute sono precarie e come ricovero, dove poter lenire le sue sofferenze,  ha avuto la possibilità di occupare una delle stanze del vecchio Municipio, fatiscente, dove manca acqua ed energia elettrica.

E’ possibile che un essere umano bisognoso di cure e di una collocazione adeguata, possa vivere in condizioni simili ?

Non sarebbe meglio sistemare il poveretto in una struttura idonea, dove possa trovare oltre le cure di cui necessita, un ambiente caldo e pulito e trascorrere i suoi giorni con un po’ più di serenità ?

Già in passato, per altre persone, che avevano situazioni analoghe, si fece ricorso ad ogni espediente per poterle sistemare in apposite strutture, e non vedo perché non si possa lo stesso per il nostro “Ciuppella”, al fine di ridargli quella dignità di persona di cui è stato privato.